Sanità

Un lusso chiamato psicoterapia 

Martedì, 17 Maggio 2022 | Marina Kelava
| H-Alter

L'ansia e la depressione erano tra i problemi di salute mentale più comuni nell'Unione europea anche prima della pandemia. In tutti i paesi Ue si riscontrano dei limiti nei servizi di assistenza psicologica offerti dal Servizio sanitario nazionali, alcuni paesi non offrono nemmeno il servizio.


Più della metà dei paesi europei vieta l’accesso alla procreazione assistita alle lesbiche, mentre quasi un terzo dei paesi lo vieta alle donne single 

Martedì, 02 Novembre 2021 | Eva Belmonte
María Álvarez Del Vayo
Ángela Bernardo
Carmen Torrecillas
Antonio Hernández
| Civio

La situazione è ancora più difficile per le persone transessuali e intersessuali che, oltre alle barriere legali, devono fare i conti anche con ostacoli economici: la maggior parte dei sistemi sanitari pubblici copre solo una parte dei costi del trattamento, le liste di attesa sono molto lunghe e i criteri di accesso molto ristretti.


La gestione della pandemia nelle carceri italiane e europee 

Mercoledì, 15 Dicembre 2021 | Openpolis

In molti paesi dell’Unione europea la pandemia ha colpito duramente le prigioni, ambienti chiusi, spesso insalubri e già caratterizzati da molte restrizioni. In Italia, uno dei paesi con gli istituti più sovraffollati, ha acuito vari problemi strutturali preesistenti.


Covid-19 e carceri: chiusure dolorose e innovazioni incoraggianti 

Venerdì, 04 Febbraio 2022 | Lorenzo Ferrari
| OBC Transeuropa

Un’intervista con Alessio Scandurra, direttore dello European Prison Observatory, per comprendere l’impatto della pandemia sulle carceri europee, sia a livello sanitario sia in termini di minori o maggiori opportunità per le persone detenute.


Romania: 25.000 morti da inquinamento all'anno 

Giovedì, 16 Dicembre 2021 | Mihaela Iordache
| OBC Transeuropa

Da anni i media denunciano che la Romania sta diventando la discarica d'Europa. Ma le istituzioni non intervengono e intanto l’Agenzia Europea dell’Ambiente riporta che il paese occupa il primo posto in Europa per i decessi causati dall’inquinamento.


Covid: La gestione della pandemia nelle carceri europee 

Lunedì, 06 Dicembre 2021 | Kira Schacht
| Deutsche Welle (DW)

Nonostante le carceri siano un terreno fertile per i virus, le amministrazioni penitenziarie hanno comunicato pochi dati sui casi di Covid-19, sui decessi e sulle vaccinazioni nelle prigioni europee. Qual è l’impatto della pandemia nelle carceri europee? Ce lo raccontano i dati raccolti in 32 paesi.


Covid-19: la pandemia della plastica 

Lunedì, 24 Maggio 2021 | Marco Ranocchiari
| OBC Transeuropa

In Europa il biennio 2020-2021 doveva segnare la svolta nella lotta a uno dei problemi più urgenti del nostro secolo, quella dei rifiuti di plastica. Poi è arrivato il nuovo Coronavirus: tra mascherine, guanti e imballaggi anti-contagio, il rischio di un passo indietro è sempre più concreto


Le allerte alimentari in Europa: dai polli polacchi al sesamo indiano 

Domenica, 14 Marzo 2021 | Gianluca De Feo
| OBC Transeuropa

Nel 2020 più della metà delle notifiche emesse dal sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi dell’Unione europea ha riguardato prodotti provenienti da paesi extra-UE. Se nell’arco dei prossimi anni questi non saranno in grado di adattare le proprie filiere produttive alle normative comunitarie in materia di sicurezza alimentare, i rischi per i cittadini europei non accenneranno a diminuire.


La pandemia e i giovani nei Balcani 

Lunedì, 30 Agosto 2021 | Gianluca De Feo
| OBC Transeuropa

Le misure restrittive dovute alla pandemia da Covid-19 rischiano di mettere in difficoltà ancor di più i giovani nei Balcani, un segmento di popolazione da anni in costante declino demografico. Un quadro su contagi e stato della campagna vaccinale nella penisola balcanica, con uno sguardo ai più giovani.


Come il Covid-19 ha colpito la salute di migranti e rifugiati 

Venerdì, 15 Gennaio 2021 | Emanuela Barbiroglio
| Voxeurop

Con l’attenzione focalizzata sulla pandemia, rifugiati e migranti senza documenti sono scomparsi dai radar. Ma l’emergenza che li ha cancellati dall’agenda politica li ha colpiti in modo sproporzionato: minore, se non inesistente, accesso alle cure e alle protezioni, rallentamenti delle procedure di richiesta di asilo. L’analisi di Emanuela Barbiroglio, basata sui dati di un’inchiesta dell’Organizzazione mondiale della sanità.