Dove aumentano i posti vacanti

La Repubblica ceca ha un tasso di posti di lavoro vacanti pari a quasi il doppio della media europea.

Secondo gli ultimi dati pubblicati da Eurostat, a partire dal primo trimestre 2014 il mercato del lavoro in Europa ha cominciato a conoscere un periodo di crescita relativa, tornando ai livelli del 2012 (1,5 per cento), sia per i paesi della zona euro che per l’intera Unione europea. Il dato è leggermente superiore per quest’ultima rispetto all’eurozona (0,1 per cento).

Se il dato per gli stati membri dell’Ue è abbastanza stabile, un paese si distingue tra gli altri: la Repubblica ceca, che, al terzo trimestre 2017, registrava un tasso di posti vacanti del 4,1 per cento (nel 2014 era dell'1 per cento). Si tratta di un dato molto più importante non solo rispetto alla media Ue (2 per cento al terzo trimestre 2017), ma anche a un paese come la Germania (2,7 per cento).

Il tasso di posti di lavoro vacanti (Job vacancy statistics, JVS) fornisce informazioni sul livello e la struttura della domanda nel mercato del lavoro – numero dei posti vacanti e di posti occupati – nell’Unione europea.