La Brexit nei tweet degli europarlamentari

L'uscita della Gran Bretagna dall'Ue è entrata nel vivo dei negoziati. Gli europarlamentari su twitter si riferiscono al dibattito in corso con una varietà di espressioni

Nel parlamento europeo le contrattazioni per raggiungere il famoso “divorzio” istituzionale, avviate nel 2017, negli ultimi mesi sono entrate nel vivo, con l'obiettivo di arrivare a un accordo entro marzo 2019. E su twitter gli europarlamentari ne scrivono con una certa frequenza: #Brexit è il secondo trending hashtag più usato in inglese degli ultimi tre mesi, con 1181 tweet da parte di 86 parlamentari di diverso schieramento.

Lo strumento

L'articolo raccoglie, attraverso il Quote Finder  di Edjnet, gli hashtag twitter usati dai membri dell’europarlamento a proposito dell'uscita della Gran Bretagna dall'Ue.

Ma ci sono anche altre espressioni spesso usate nei tweet per riferirsi all’argomento: il più pessimista #BrexitShambles (traducibile con “caos Brexit”) è stato usato 101 volte dagli europarlamentari, per la stragrande maggioranza dal gruppo dei socialisti e democratici S&D. Tra questi si può citare il tweet molto critico dell’europarlamentare britannico John Howarth, che lamenta 11 mesi di sostanziale stallo nei negoziati.

Poi c’è l’hashtag #BrexitDeal, twittato 37 volte e abbastanza diffuso tra le diverse parti politiche. Lo usano per esempio i convinti sostenitori della Brexit:

Ma spesso lo stesso hashtag è stato riportato anche da chi sull'argomento è su posizioni opposte, come Richard Corbett di S&D:

E ancora #NoDealBrexit è stato usato in 32 tweet da parte di 12 europarlamentari, #BrexitChaos (30 tweet e 11 parlamentari), mentre #Brexiteers (19 tweets) è un termine in uso per indicare i sostenitori della Brexit. Inoltre in ordine decrescente di utilizzo si trovano anche un ironico #BrexitReality, il più neutrale #BrexitAgreements, e poi #NoDeal, #WithdrawalAgreement, il battagliero #StopBrexitSaveBritain, e ancora #HardBrexit, #DespiteBrexit, #Brexitcast. Da segnalare inoltre l’hashtag #PeoplesVote, usato a proposito della richiesta di un secondo referendum sull’uscita del Regno Unito dall’Ue. Anche una buona fetta dei cinguettii etichettati con #TheresaMay si riferisce ai negoziati in corso.

Alcune di queste espressioni sono state usate in contemporanea nello stesso tweet, dunque non si possono semplicemente sommare per avere il numero totale di volte in cui gli europarlamentari hanno comunicato qualcosa sulla Brexit. Tuttavia la notevole diffusione di hashtag racconta bene la presenza dell’argomento nell’agenda dei parlamentari a Bruxelles.

Lo strumento Quote Finder di Edjnet permette di esplorare la comunicazione pubblica ufficiale tramite twitter degli europarlamentari: un modo per capire quali argomenti sono nell’agenda politica europea e in che termini ne parla chi ufficialmente se ne occupa.

Martedì, 04 Dicembre 2018

Autore/i:

Gina Pavone

Testata/e:

OBC Transeuropa
share subcribe newsletter