Il cambiamento climatico spacca il Parlamento europeo

Il tema del cambiamento climatico ha attirato l’attenzione di gran parte dell’opinione pubblica, ma non sembra trovare spazio sui profili Twitter dei parlamentari europei nella stessa misura.

La campagna di sensibilizzazione recentemente portata avanti da Greta Thunberg e dal movimento Fridays for Future nelle piazze e nelle istituzioni di tutto il mondo ha portato al centro del dibattito politico il tema del cambiamento climatico. Quasi tutti giornali europei hanno iniziato a parlare dell’emergenza climatica con una frequenza senza precedenti, contribuendo ad attirare l’interesse del grande pubblico. 

In realtà, la lotta all’inquinamento e alle pratiche poco sostenibili sono al centro dell’agenda delle istituzioni europee ormai da diversi anni, e il consenso tra i maggiori partiti europei sembra sostanzialmente unanime. Tuttavia, alcuni gruppi presenti nel Parlamento europeo portano avanti sulle piattaforme social istanze relative al surriscaldamento globale molto più di altri. Ad esempio, i Verdi – che hanno visto aumentare la propria rappresentanza parlamentare di quasi il 50% alle scorse elezioni europee – ne fanno pilastro portante della propria azione politica e comunicativa. Il Quote Finder ci indica che sono proprio gli affiliati al gruppo parlamentare dei Greens/EFA a parlare più di tutti di cambiamento climatico su Twitter: nel corso dell’ultimo mese, 15 su 74 eletti (il 20%) hanno twittato messaggi contenenti gli hashtag #ClimateChange e #ClimateEmergency.

Tra i partiti più attivi sul tema emergono anche Renew Europe, con 15 parlamentari attivi su 108 (il 13,9%) e la Sinistra Unitaria Europea con 5 su 41 (il 12,2%). Hanno twittato sulla crisi climatica, invece, solo 7 dei 154 (4,5%) parlamentari appartenenti al gruppo S&D e 6 membri del PPE su 188 (3,3%). Assente dai profili Twitter dei due gruppi più a destra, ID ed ECR, ogni riferimento agli hashtag di cui sopra.

Esiste dunque un’evidente spaccatura tra i Verdi e la destra, ma anche tra quest’ultima e tutti gli altri partiti che siedono al Parlamento Europeo. Se il tema della lotta al cambiamento climatico è presente nei feed dei parlamentari di gruppi politici che spaziano dalla sinistra al centro-destra (anche se in misura decrescente) i gruppi identitari sembrano voler incentrare il proprio messaggio politico su altre questioni. 

Mercoledì, 27 Novembre 2019

Autore/i:

Gianluca De Feo

Testata/e:

OBC Transeuropa
share subcribe newsletter