Le strutture demografiche dell'Europa

Come è strutturata, per età, la popolazione europea su base regionale? Un gruppo di demografi ha tracciato una mappa delle popolazioni regionali d'Europa utilizzando un approccio cromatico innovativo.

Utilizzando dati provenienti da Eurostat, Ilya Kashnitsky e Jonas Schöley hanno creato una mappa delle strutture demografiche delle diverse regioni d'Europa per età della popolazione: il lavoro è stato pubblicato sulla rivista The Lancet. "Il processo di invecchiamento della popolazione non sta avvenendo in modo uniforme in tutte le aree d'Europa, e anzi le regioni differiscono in maniera sostanziale", scrivono gli autori. 

"L'invecchiamento della popolazione è un'importante sfida demografica per l'umanità. L'attenzione si concentra sempre sulla popolazione anziana, spesso definita mediante criteri diversi: 'over 65', 'l’età pensionabile' o, ancora, la 'speranza di vita'. Ma l'invecchiamento non riguarda esclusivamente la popolazione anziana o la sua proporzione rispetto alla popolazione; l'invecchiamento riguarda l'intera distribuzione dell'età di una popolazione. Pertanto, per comprendere meglio l'invecchiamento, dobbiamo concentrarci sull'evoluzione della struttura dell'età dell'intera popolazione, non solo della sua parte anziana", spiegano gli autori.

La codifica per colore nella mappa permette di ottenere un'immagine diversificata della struttura dell'età nelle regioni europee e indica le diverse fasi dell'invecchiamento della popolazione in Europa: "Ogni elemento di una serie tridimensionale di dati sulla composizione è rappresentato con un colore unico".

I colori risultanti mostrano la direzione e l'ampiezza delle deviazioni dal punto centrale, che rappresenta l'età media della popolazione europea, indicata con il grigio scuro. "La componente di tonalità di un colore codifica la direzione della deviazione: il giallo indica una popolazione anziana (>65 anni), il ciano indica persone in età lavorativa (15-64 anni) e il magenta indica bambini (0-14 anni).

Martedì, 04 Settembre 2018

Testata/e:

VoxEurop
share subcribe newsletter