Le centrali a carbone nel mondo

Carbon Brief ha creato una carta interattiva che mostra il passato, il presente e il futuro di tutte le centrali a carbone del mondo.

Di cosa si occupa questo lavoro

Dal 2000, a seguito della forte crescita in Cina e India, la capacità mondiale di produzione di energia elettrica a carbone è raddoppiata, raggiungendo i 2.000 gigawatt (GW). Recentemente, centrali che producevano 200GW sono state dismesse nell'Unione europea e negli Stati Uniti. Altri impianti da 170GW dovrebbero chiudere entro il 2030, e 13 dei 77 paesi del mondo dove attualmente si produce energia a carbone prevedono un'eliminazione totale di questi impianti .

Carbon Brief ha mappato  il passato, il presente e il futuro di tutte le centrali a carbone del mondo. La carta, temporale e interattiva, mostra gli impianti in funzione ogni anno tra il 2000 e il 2017, nonché l'ubicazione della nuove centrali previste. È indicata la capacità di produzione di carbone, mentre la produzione di elettricità e le emissioni di CO2 dipendono da una serie di altri fattori. Utilizzando i dati del CoalSwarm’s  Global Coal Plant Tracker, Carbon Brief traccia circa 10.000 impianti a carbone, tra quelle dismessi, quelle operativi e quelle pianificati, per un totale di quasi 3.000GW in 95 paesi.

Perché ci piace

Il tema del carbone è fondamentale per affrontare il cambiamento climatico. Secondo l'Agenzia internazionale per l'energia , tutti gli impianti a carbone dovranno chiudere nei prossimi decenni se si vogliono limitare i danni dei cambiamenti climatici a meno di 2°C al di sopra delle temperature di epoca preindustriale.

Giovedì, 07 Giugno 2018

Testata/e:

VoxEurop
subcribe newsletter