Chi mette in discussione i valori europei al Parlamento europeo?

Liberties ha sviluppato uno strumento di monitoraggio sull'attività degli europarlamentari, che getta una nuovo luce sullo scontro tra le forze democratiche e illiberali all'interno del Parlamento.

Liberties

La  Civil Liberties Union for Europe (Liberties), una Ong con sede a Berlino che promuove le libertà civili in tutta l'Unione europea, ha creato uno strumento di monitoraggio che mostra la quota di deputati europei "anti-valori", cioè che ha opinioni politiche in conflitto con le disposizioni dell'articolo 2 del Trattato dell'Unione europea .

Questo strumento fornisce informazioni sulla possibile configurazione del Parlamento europeo dopo le prossime elezioni; i dati derivano dal progetto Poll of polls . Liberties prevede di aggiornare lo strumento secondo l’evoluzione dei sondaggi elettorali.

Perché questo lavoro ci piace

Questo strumento di monitoraggio si occupa di una questione che spesso viene affrontata in maniera troppo generale: le "politiche illiberali" e le posizioni "anti-valori", e come queste facciano parte dello spettro politico del Parlamento europeo. Per esempio, potrebbe sorprendere il fatto che, tra le principali forze politiche al Pe, il gruppo con il maggior numero di eurodeputati ritenuti "anti-valori" risulta l'Alleanza progressista dei socialisti e democratici (S&D).