Indice europeo della precarietà energetica

26 milioni di europei non sono in grado di mantenere nelle loro case una temperatura sufficientemente calda in inverno. 

Questa è l'osservazione fatta dal think tank OpenExp, che pubblica, per la prima volta, un indice della precarietà energetica in Europa . La precarietà energetica, definita come l'incapacità di una famiglia di soddisfare il suo fabbisogno energetico per il riscaldamento a causa del basso reddito o di condizioni abitative precarie, è tradizionalmente misurata utilizzando due indicatori (il tasso di sforzo energetico e la sensazione di disagio associata al freddo in inverno o al caldo in estate) inclusi in questo studio all'interno di un unico indice per facilitare i confronti tra paesi europei.

Il risultato: le migliori prestazioni si osservano in Svezia, Finlandia o Danimarca. Ma apprendiamo anche che questi paesi hanno ancora molta strada da fare per ridurre la precarietà energetica estiva. Mentre gli autori ammettono di non avere dati per misurare questa dimensione spesso dimenticata della precarietà energetica, lo studio ha almeno il merito di tenerne conto. I dati possono essere facilmente scaricati in formato excel o pdf.

Mercoledì, 27 Febbraio 2019
subcribe newsletter