Data news


Parlare più di una lingua in Europa è ancora un privilegio 

Venerdì, 03 Gennaio 2020 | Jacopo Ottaviani
| Internazionale

A maggio del 2019 la Gazzetta ufficiale dell’Ue ha pubblicato un documento intitolato “Raccomandazione del consiglio su un approccio globale all’insegnamento e all’apprendimento delle lingue”. Secondo il consiglio dell’Unione europea è essenziale che i cittadini europei conoscano almeno due lingue straniere, oltre alla propria lingua madre.


Italia: fare politica coi soldi dei politici 

Giovedì, 02 Gennaio 2020 | Gianluca De Feo
Ornaldo Gjergji
| OBC Transeuropa

Dopo l’abolizione del finanziamento pubblico diretto alla politica nel 2013, in Italia si puntava ad aumentare le donazioni di privati. I numeri mostrano un quadro diverso: pochi i fondi di “grossi donatori”, tanti quelli di rappresentanti eletti. L’assenza di finanziamento pubblico diretto dell'Italia rimane, in Europa, un'anomalia


Grecia: campi profughi affollati e isolati  in depth

Venerdì, 27 Dicembre 2019 | Eleni Stamatoukou
| OBC Transeuropa

Benché se ne parli meno, oltre centomila migranti e rifugiati sono ancora presenti in Grecia. Molti di loro vivono per lunghi periodi in centri di prima accoglienza, che però si trovano in aree remote e scarsamente servite.


L’emergenza migranti a Ventimiglia 

Domenica, 22 Dicembre 2019 | Ornaldo Gjergji
| OBC Transeuropa

Ventimiglia è diventata città simbolo di tutte le contraddizioni che il fenomeno migratorio verso l’Unione europea sta portando alla luce. Attraverso l’analisi del contenuto dei media locali un quadro della situazione


Quanto costano e quanto sono veloci i treni in Europa: tutto in sei infografiche  Large investigation

Mercoledì, 18 Dicembre 2019 | Journalism++

Quali sono i paesi europei dove i treni sono più veloci, e i biglietti più abbordabili? EDJNet ha raccolto informazioni sui viaggi ferroviari per tutta Europa, ottenendo più di 8.000 prezzi relativi a biglietti di una corsa semplice e i tempi di percorrenza di 73 tratte campione.


Lavorare nella sicurezza privata in Europa 

Lunedì, 16 Dicembre 2019 | Ana Kuzmanić
Ivana Perić
| H-Alter

In Croazia le guardie di sicurezza subiscono condizioni lavorative assai dure: turni molto lunghi, equipaggiamento inadeguato, salari al minimo. Vengono sfruttate, ma hanno scarse alternative. Nel frattempo il settore della sicurezza privata sta vivendo un boom in Europa e le società guadagnano milioni.


Il numero di bambini ungheresi che vivono in altri paesi Ue è raddoppiato in cinque anni 

Sabato, 14 Dicembre 2019 | Laszlo Arato
| EUrologus

Negli ultimi cinque anni, i bambini ungheresi residenti in altri paesi Ue sono raddoppiati, raggiungendo, nel 2018, le 53mila unità; per la Romania si parla di 600mila bambini. Complessivamente, il numero di cittadini al di sotto dei 19 anni che vive in uno Stato membro diverso da quello di nascita è aumentato di circa 500mila unità negli ultimi cinque anni. La maggior parte dei bambini stranieri presenti nell'Unione europea proviene da paesi non UE, dall'Afghanistan all'Albania.


Qual è l’impronta carbonio delle navi europee? 

Lunedì, 09 Dicembre 2019 | Stefano Valentino
| VoxEurop

Un nuovo studio quantifica, per la prima volta, i volumi di gas serra delle compagnie navali europee. Le flotte europee non sono infatti soggette ad alcun obbligo di riduzione delle emissioni, nonostante siano tra le aziende più inquinanti. 


Antidiscriminazione, io non ti conosco 

Mercoledì, 04 Dicembre 2019 | Valentina Vivona
| OBC Transeuropa

Le direttive europee hanno permesso, negli ultimi venti anni, la creazione in Europa di enti preposti alla tutela della cittadinanza contro le discriminazioni. La maggior parte di essi sono ancora poco conosciuti, ma in alcuni paesi del Sud-Est Europa si trovano delle eccezioni


I robot non sostituiranno completamente gli uomini 

Mercoledì, 04 Dicembre 2019 | Barbara Erling
Katarzyna Korzeniowska
| BiQdata

Entro il 2030, circa 20 milioni di posti di lavoro nel settore manifatturiero verranno sostituiti da robot: lo dice un rapporto pubblicato da Oxford Economics, una società che si occupa di previsioni a livello globale. Qualcuno ha già cominciato a combattere, sulle orme dei luddisti del XIX secolo, sabotando deliberatamente i robot con cui lavorano quotidianamente, perché temono che questi robot gli ruberanno i posti di lavoro.