Stats Monitor, caso d'uso 2


Un esempio di utilizzo dello Stats Monitor nei casi in cui il giornalista elabora un articolo a partire da una notifica inviata dallo strumento, che segnala un dato interessante.

Il debito pubblico nell’Unione europea continua a registrare un andamento al ribasso. Secondo l’ultimo dato Eurostat, nel terzo trimestre del 2018 il debito ammontava all’80,8% rispetto al prodotto interno lordo dell’Unione. Il livello massimo era stato raggiunto nel 2015,  quando lo stesso dato era arrivato all’87,6%. Se si guarda solo all’area euro si nota un andamento simile, ma con dei valori più alti: in questi paesi nell’ultimo trimestre 2018 il debito rispetto al PIL è dell’86,1%.

Ma guardando i singoli paesi emerge la grande differenza nascosta dai dati complessivi. Alcuni paesi spiccano non solo per l’andamento crescente dell’indebitamento pubblico, ma anche per il suo livello. Dal 2006 in poi, a registrare aumenti evidenti rispetto al pil nazionale sono stati Grecia, Portogallo, Cipro, Spagna e Slovenia.

Guardando invece il peso dei debiti contratti e la grandezza delle rispettive economie spicca la presenza dell’Italia, indebitata per il 133% rispetto al proprio Pil.

Inutile dire che, trattandosi di un’economia tra le maggiori in Europa, in termini assoluti i debiti contratti dall’Italia sono i più voluminosi, superando i 2.330 miliardi di euro. 

NOTA METODOLOGICA

Ecco come abbiamo realizzato questo esempio di utilizzo dello Stats Monitor

  • lo spunto è derivato da uno dei dataset che vengono regolarmente monitorati dallo Stats Monitor (e su cui lo strumento invia notifiche periodiche)
  • il grafico generato automaticamente dallo Stats Monitor è stato trasformato e personalizzato: abbiamo cambiato la forma del grafico per mettere in risalto l’andamento nel tempo e abbiamo scelto di confrontare due aree specifiche (Unione europea e area euro)
  • abbiamo mostrato l’andamento di alcuni paesi in particolare, e ne abbiamo adattata la visualizzazione
  • abbiamo presentato il dato in termini assoluti e in percentuali, selezionando gli indicatori che ci interessavano tra le opzioni fornite dallo Stats Monitor