Quote Finder, caso d'uso


Protezione dei confini, sicurezza, crisi, solidarietà. E ancora progresso, minaccia, impegno, legalità. Sono le parole che ruotano attorno all’hashtag #migration nei tweet pubblicati da tutti gli europarlamentari negli ultimi tre mesi. La migrazione è in questo momento storico un tema controverso in molti paesi europei, su cui le posizioni sono diverse, e gli stati d’animo molto polarizzati.

Lo si vede a colpo d’occhio analizzando lo stato d’animo prevalente che traspare dalle affermazioni postate su Twitter dagli europarlamentari. Se da un lato emergono parole quali “impegno”, “supporto”, “prosperità”, dall’altro saltano subito agli occhi “minaccia”, “crisi”, “illegale”, “insidiare”.

Seguendo i tweet degli europarlamentari di solito si trovano indicazioni interessanti sull’attività interna alle istituzioni europee. Ma quello sulle migrazioni è in effetti un hashtag particolare, con cui emerge bene la divergenza di vedute sull’argomento, ed è affiancato per lo più a opinioni e prese di posizione.

Fa eccezione il tweet dell’europarlamentare maltese Miriam Dalli, che annuncia l’approvazione in commissione Libertà civili, giustizia e affari interni del regolamento per un fondo per richieste di asilo e migrazione (è prevista la discussione nella prossima plenaria dell’europarlamento).

Dalla stampa si apprende che il fondo è stato affiancato da un finanziamento “per la gestione integrata delle frontiere”.

Per il resto l’hashtag viene per lo più usato in riferimento a posizioni ufficiali dei rispettivi gruppi parlamentari. Tanto che confrontando i tweet dei due gruppi più numerosi emergono abbastanza in maniera evidente queste divergenze.

Jan Zahradil (del gruppo ECR, European Conservatives and Reformists) sostiene che tutte le nazioni hanno il diritto di garantire asilo e protezione, ma la solidarietà non si può imporre:

Roberta Metsola (esponente del gruppo EPP, European People’s Party) si ripromette di portare a termine entro la fine della legislatura il lavoro a favore della sicurezza in Europa e per il contrasto alla criminalità internazionale:

Invece l’esponente di S&D Maria João Rodrigues‏ mette l’accento sulle scene drammatiche viste nel Mediterraneo, invocando una politica europea per la gestione dei migranti: